La clutch: un accessorio..o un must?

Con clutch si intende la borsetta semi rigida senza manici da tenere a mano, di forma solitamente rettangolare. Insomma si tratta della vecchia pochette rimodernata: tuttavia il vantaggio della clutch consiste nella grandezza, superiore rispetto al precendente modello, ma non ingombrante quanto una vera e propria borsa – e quindi adatta per una serata elegante!

Che tipo scegliere? In commercio se ne trovano di svariate: impreziosite con brillantini con chiusura rigida (occhio che non facciano troppo male, visto che le dovrete portare a mano tutta la serata!), in materiali ecologici – ad esempio in bambu’ -, classiche in pelle nera e chiusura a portafoglio cosi’ come con stampe colorate a fiori¬† e tessuti morbidi – giusto per l’arrivo della primavera.

Come abbinarla? Sicuramente con un vestito elegante stile red carpet: senza puntare ad abiti lunghi con strascichi (obiettivamente scomodi e raramente indossabili),¬† ma ad esempio con un vestito liscio con o senza maniche, scollo a V sul decollete’ e cintura alta in vita – perfetto se il colore della lcutch richiama quello della cintura.

Ma non solo: anche il semplice abbinamento jeans a sigaretta, maglietta bianca sciancrata e giacca in tono pastello (rosa, verde, azzurro sono i miei preferiti) e maniche a tre quarti fara’ risaltare la Vostra clutch, dando un tocco elegante al look casual.

Un ultimo consiglio: siccome la clutch mette in risalto le mani e l’avambraccio, curate la manicure e abbinate un bracciale rigido al polso stile schiava.

Published in: on febbraio 23, 2009 at 1:57 pm  Comments (1)  
Tags: , , , , ,

Un evergreen: il tubino

Per prima cosa, lasciatemi sfatare il mito che il tubino e’ un abito di per se’ troppo elegante, da usare solo in occasioni particolari. Chi ancora la pensa cosi’, e’ davvero old fashion. La sua peculiarita’ consiste nel fatto che a seconda di come lo portate e con quali accessori, si puo’ trasformare da sbarazzino a seducente.

Quando si parla di tubino si intende un vestito aderente solitamente al ginocchio e senza maniche; solitamente ha la classica scollatura a barchetta. Oggigiorno e’ disponibile in vari colori: dal classico nero, ai colori fluo shocking e persino a disegni floreali – ad esempio con una fantasia broccato. E’ un ottimo vestito sia d’inverno, stagione in cui si possono preferire modelli di lana cotta o panno, cosi’ come in estate – modelli qui piu’ corti, in tela e in tinte chiare.

Come scegliere dunque quello giusto? Eccovi qui una paio di consigli pratici per le varie occasioni:

  • In ufficio: in questo caso meglio usare un modello classico – nero, marrone, sale e pepe o pie de pouls – con scollatura¬† piu’ tendete al quadrato. In questo modo potete indossare sotto una camicia o un dolcevita, che smorza l’abito senza renderlo scontato. Perfetto da abbinare con stivali bassi di pelle alla cavallerizza!
  • Per il cocktail: qui bisogna giocare d’astuzia per rendere il capo originale. Perfetti i modelli colorati, con cinturina che cinge la vita o subito sotto il seno. Gli accessori giusti? Dipende: per un look anni ’50, perfetto fulard annodato al collo, magari stile animalier e una linea marcata di kajal nero sugli occhi. Per un look giovane, un bel paio di decollete colorate o con disegni geometrici (ad esempio, pois o vichy). Infine per un look trendy, una colanna etnica o una bella fusciacca colorata, magari di raso, in vita.
  • Alla cena di gala: per apparire super chic, si puo’ optare per un modello di taffeta grigio perla (occhio che questo colore ingrassa, da non usare se si e’ parecchio formose), beige o nero. Da abbinare con una stola a tinta unita o bicolore, cosi’ come con un pellicciotto con chiusura a fermaglio. Di rigore la clutch in tinta con la stola e scarpe aperte con tacco a stiletto in tinta con l’abito.

E ricordateVi: questo e’ un abito da comprare una volta e tenere per sempre nel guardaroba, un cosiddetto “must”, quindi non badate a spese durante l’acquisto e optate peri l modello che piu’ esalta il Vostro fisico!

Published in: on ottobre 24, 2008 at 10:15 am  Lascia un commento  
Tags: , , , , ,