Lo scaldacuore

Uno dei miei golf preferiti – lo avrete gia’ capito dai miei post precedenti! – e’ decisamente lo scaldacuore. Per chi non lo sapesse, si tratta di golfini aderenti incrociati sul seno, con un fiocco dietro la schiena o laterale, che ricordano i golf usati dalle ballerine durante il riscaldamento.

Se ne possono trovare di vari tessuti: dalla microfibra per la stagione estiva, al caldo cashemere per l’inverno – perfetti i modelli di And-, alla felpa per modelli piu’ sportivi – come ad esempio quelli di Dimensione Danza.

Se trovate che i fiocchi siano troppo appariscenti, potete comprare un modello come quello qui a fianco che ha un gancino e arriva subito sotto al seno – femminile, ma non troppo e anche molto sexy!

Potete ovviamente impreziosirlo con una spilla laterale o¬† una lunga collana etnica, che contribuira’ a sottolineare ancora di piu’ il decollete’ – o un paio di orecchini chandelier, se preferite una variante piu’ sobria.

Il mio unico consiglio per questo capo e’ di non scegliere modelli colorati, bensi’ monotono: il colore puo’ essere anche acceso – prugna, verde petrolio, rosa e grigio perfetti per la variante in felpa – ma evitate le fantasie. Il modello infatti ha gia’ un taglio particolare, quindi non necessita di essere sottolineato ulteriormente.

Published in: on novembre 26, 2009 at 9:06 pm  Lascia un commento  
Tags: , , , ,

Un evergreen: il tubino

Per prima cosa, lasciatemi sfatare il mito che il tubino e’ un abito di per se’ troppo elegante, da usare solo in occasioni particolari. Chi ancora la pensa cosi’, e’ davvero old fashion. La sua peculiarita’ consiste nel fatto che a seconda di come lo portate e con quali accessori, si puo’ trasformare da sbarazzino a seducente.

Quando si parla di tubino si intende un vestito aderente solitamente al ginocchio e senza maniche; solitamente ha la classica scollatura a barchetta. Oggigiorno e’ disponibile in vari colori: dal classico nero, ai colori fluo shocking e persino a disegni floreali – ad esempio con una fantasia broccato. E’ un ottimo vestito sia d’inverno, stagione in cui si possono preferire modelli di lana cotta o panno, cosi’ come in estate – modelli qui piu’ corti, in tela e in tinte chiare.

Come scegliere dunque quello giusto? Eccovi qui una paio di consigli pratici per le varie occasioni:

  • In ufficio: in questo caso meglio usare un modello classico – nero, marrone, sale e pepe o pie de pouls – con scollatura¬† piu’ tendete al quadrato. In questo modo potete indossare sotto una camicia o un dolcevita, che smorza l’abito senza renderlo scontato. Perfetto da abbinare con stivali bassi di pelle alla cavallerizza!
  • Per il cocktail: qui bisogna giocare d’astuzia per rendere il capo originale. Perfetti i modelli colorati, con cinturina che cinge la vita o subito sotto il seno. Gli accessori giusti? Dipende: per un look anni ’50, perfetto fulard annodato al collo, magari stile animalier e una linea marcata di kajal nero sugli occhi. Per un look giovane, un bel paio di decollete colorate o con disegni geometrici (ad esempio, pois o vichy). Infine per un look trendy, una colanna etnica o una bella fusciacca colorata, magari di raso, in vita.
  • Alla cena di gala: per apparire super chic, si puo’ optare per un modello di taffeta grigio perla (occhio che questo colore ingrassa, da non usare se si e’ parecchio formose), beige o nero. Da abbinare con una stola a tinta unita o bicolore, cosi’ come con un pellicciotto con chiusura a fermaglio. Di rigore la clutch in tinta con la stola e scarpe aperte con tacco a stiletto in tinta con l’abito.

E ricordateVi: questo e’ un abito da comprare una volta e tenere per sempre nel guardaroba, un cosiddetto “must”, quindi non badate a spese durante l’acquisto e optate peri l modello che piu’ esalta il Vostro fisico!

Published in: on ottobre 24, 2008 at 10:15 am  Lascia un commento  
Tags: , , , , ,