Biancheria a vista: e’ volgare?

Mi capita spesso girando in citta’ di vedere ragazze con biancheria in vista e pensare che io non mi sarei mai vestita in quel modo cosi’ come di notare un bel top sotto una giacca, anche quello con sembianze di intimo, quindi la domanda nasce spontanea: e’ volgare indossare biancheria a vista?

Partiamo subito da un presupposto: e’ assolutamente fuori discussione che qui si parli solo dei pezzi sopra di intimo. Indossare tanga o mutande piu’ o meno raffinate a vista dovrebbe essere evitato ad ogni costo – anche se volete mostrare la Vostra linea invidiabile con i nuovi jeans attillati o pensate che risulti sexy se si intravede in un vestito (non lo e’).

Il discorso cambia se si passa all’intimo da sopra, partiamo dai reggiseni. Ultimamente girando per negozi ho visto dei bellissimi reggiseni in fantasia Vichy (quadratini bianchi e azzurri o rossi), tartan o a fiorellini che trovo davvero carini. Se indossati con un golfino in cashemire che li fa intravedere leggermente o sotto un top di un colore che richiama il reggiseno, sono di buon gusto.

Si puo’ dire lo stesso delle canottiere: le piu’ fini in raso a spalla larga e scollatura tonda, oppure per donne piu’ giovani ed audaci con scollatura a V, sono dei perfetti sottogiacca – la seconda alternativa presuppone che si tenga la giacca addosso, quindi se non volete avere troppo caldo puntate su una giacca in tessuto leggero e con maniche a tre quarti. La giacca dovrebbe essere di colore neutro, di modo che si possa giocare con un colore piu’ acceso nel top di raso, da abbinare con una collana in perle e un orologio braccialetto o importante.

Se infine siete piu’ sportive, allora Vi consiglio i top intimi di Benetton o Intimissimi: in materiale piu’ caldo – filo di lana o ciniglia – donano un look piu’ casual e possono essere abbinati ad uno scaldacuore corto fino a sotto il seno – a me piaciono se grigio scuro e con un pizzetto nero sul seno.

Quindi la risposta e’: se con buon gusto, si, osate pure la Vostra biancheria a vista!

Annunci
Published in: on novembre 25, 2009 at 8:15 pm  Comments (1)  
Tags: , , ,

Stile scozzese

Se siete delle trend setter e seguite con passione le sfilate di moda, avrete notato che quest’anno imperversa sulle passerele lo stile scozzese! Questa Tartan-mania (altro modo per definire lo scozzese) ha invaso tutti i più bei negozi italiani e non, ma quali capi o accessori in questo stile sono alla moda e al tempo stesso davvero indossabili?

Un must è di sicuro la gonna: potete sceglierne di diversi tipi. Per le più romantiche, consiglio una gonna a pieghe leggermente svasata da abbinare con un dolcevita aderente. A ragazze magre ed in forma invece si adatta il classico capo a portafoglio, magari impreziosito da una grande spilla argentata a lato e frange in fondo. Una alternativa alla gonna è l’abito bustier: per non sentirvi a disagio in ufficio indossateci sotto una camicia bianca.

Se invece vi piace questo stile perchè rockettaro sexy, allora comprate una maglietta in questo stile con una scritta nera di sottofondo o al contrario una maglietta di colore scuro con un inserto in tartan. Oppure un cerchietto rigido scozzese – se volete con un bel fiocco laterale – su capelli spettinati e smoky eyes o ancora una cintura o un cappello stile coppola: potete trovare una vasta gamma di questi acccessori da Colors&Beauty.

E se proprio non volete rinunciare a un tocco giovanile e al tempo stesso malizioso, optate per capi intimi o eleganti collant! Il capo secondo me top in questo stile consiste nel nuovo completo di Intimissimi rosso e verde con slip a vita bassa e reggiseno o maglia a collo alto e maniche lunghe coordinata: per sentirsi modaiole anche sotto l’abito! Da Calzedonia infine trovate dei bellissimi modelli a quadri rossi e neri oppure grigio e beige in perfetto stile british: da indossare con morbide gonne in panno.

Published in: on novembre 20, 2008 at 9:29 pm  Lascia un commento  
Tags: , , , ,

Il Gilet al femminile

In stile maschile e unisex, ecco che viene rilanciato sulle passerelle internazionali un evergreen di grande eleganza: il gilet – e non piu’ per uomini, bensi’ per noi!

Come sempre, vorrei suggerirVi una serie di combinazioni per questo indumento a seconda della situazione in cui Vi trovate. Anzittutto, il vantaggio del gilet consiste nel fatto che copre le zone piu’ sensibili al freddo, cioe’ spalle e pancia, senza pero’ appesantire troppo – e lasciando in questo modo braccia e decollete liberi! In ufficio, propongo un modello assolutamente classico, un gilet grigio perla o colorato intero, magari impreziosito da un marchio davanti – La Martina offre dei modelli sportivi e al tempo stesso molto chic, se invece preferite il tradizionale cercate da Zara.

Se non volete assolutamente rinunciare ai bottoni per questioni di comodita’ e caldo in ufficio, allora suggerisco un modello cardigan con taschine laterali: si trovano tantissimi modelli colorati – che smorzano un po’ l’aria seria del capo – sempre da Zara.

Una variante molto trendy consiste nella stampa scozzese: quest’anno tutto cio’ che e’ quadrettato, meglio se nel vecchio scozzese rosso e verde, e’ decisamente in! Se siete modaiole incallite, osatene uno viola, colore di tendenza – dona molto alle bionde. Potete trovare dei bellissimi capi da H&M cosi’ come da Mango – per modelli piu’ eleganti.

Per la serata a teatro o il colloquio di lavoro un bel gilet stile completo maschile risolve molti problemi: la prima alternativa e’ il modello a barista , che lascia tutta la schiena scoperta e copre solo il seno, perfetto se di lana cotta o panno, piccoli bottoni e fibbia laterale posteriore per regolarne la misura. La seconda invece consiste in un modello piu’ dandy a due tessuti, di raso dietro per coprire tutta la schiena e con fantasia tartan o principe di galles davanti – molto carino se su sfumature di marrone o grigio. Come abbinare i due modelli? Semplice: un paio di pantaloni a sigaretta e una semplice camicia bianca – con jabot se volete uno stile piu’ artista o ricamata e con maniche ricercate a mo’ di pirata!

Published in: on novembre 10, 2008 at 11:23 am  Lascia un commento  
Tags: , , , ,